ristrutturazione ufficio

Nuovi spazi in ufficio per la socialità e la condivisione di idee

Pubblicato il 29 Settembre 2021 Categoria:

L’ufficio della nuova normalità è un ufficio in cui cresce la necessità di spazi dedicati a meeting con clienti e colleghi, luoghi in cui far incontrare le idee e condividere progetti. L’ufficio di oggi e dell’imminente futuro è un vero e proprio cantiere aperto in cui l’evoluzione delle modalità lavorative, tra lavoro individuale e le attività di condivisione e collaborazione, sta definendo nuove necessità e nuovi spazi.

L’obiettivo è quello di portare l’ufficio verso una dimensione sempre più di socializzazione, confronto e sviluppo di idee. Una recente survey degli Osservatori Digital Innovation del Politecnico di Milano ha sottolineato che l’89% delle 244 grandi imprese italiane interpellate rivedrà i propri spazi con interventi strutturali, o ne ripenserà l’utilizzo.
Il focus principale riguarda tutti quegli spazi che hanno come mission la socialità e l’esperienza dei dipendenti, quindi le aree condivise, le sale riunioni e gli workspace.
Ma come e quanto stanno cambiando questi spazi? Le risposte possono essere molteplici perché ogni spazio e ogni ufficio è attraversato da storie, persone diverse e da culture aziendali specifiche. Ma i bisogni e le esigenze degli imprenditori interpellati nella survey sposano una linea comune che è quella di valorizzare la creatività, la capacità di innovare e quindi favorire gli incontri, le interazioni spontanee e i confronti in un luogo di lavoro sicuro, funzionale e confortevole.

Crescono gli spazi condivisi in ufficio

L’ufficio della modernità non ha più una sola sala riunione o più sale riunioni che venivano individuate come unici luoghi di incontro e condivisione. Oggi esistono una pluralità di spazi di diverse dimensioni, più o meno attrezzati e più o meno informali, che possono diventare al bisogno luoghi di “meeting”. La sala “condivisa” si spoglia quindi della sua formalità per diventare un luogo di collaborazione a supporto delle attività quotidiane più operative.
Ed ecco che negli uffici si vengono cosi a creare diverse tipologie di spazi: da una parte quelli “privati”, identificabili con le singole scrivanie; quelli “pubblici”, ergo le care vecchie sale riunioni per gli incontro più formali; e gli spazi di connessione che diventano luoghi di condivisione in prossimità della propria postazione.
I nuovi spazi, che sempre più aziende stanno chiedendo, sono dedicati principale ad attività di brainstorming, incontro one-to-one, focus group, video-conferenze e telefonate riservate. Per tutti si tendono a utilizzare arredi più informali e funzionali al tipo di attività. Ad esempio per i microspazi come i phone booth si utilizzano rivestimenti con materiale fonoassorbente.

La sala riunioni diventa multifunzionale

I cambiamenti interessano anche la classica sala riunioni che, pur rimanendo l’ambiente più elegante e bello dell’ufficio, diventa uno spazio multifunzionale, predisposto per il lavoro in team in cui si condivide, si interagisce e si collabora. Gli arredi diventano quindi flessibili, dal design ricercato e attuale, dotati di un’ergonomia che rispetti le vigenti normative, con un tavolo di dimensioni più ampie e integrato con tecnologie informatiche indispensabili.

Attorno al tavolo lo spazio dovrà essere più ampio perché chi interviene durante gli incontri tende ad alzarsi e a muoversi così da facilitare l’interazione con i colleghi e le persone presenti. Nella sala inoltre diventa importante predisporre boiserie, librerie, porta tv, contenitori multimediali e supporti che rendono lo spazio ancor più funzionale.

L’importanza delle aree break

Tra riunioni, lavoro e brainstorming anche il momento di pausa diventa centrale ai fini della produttività e della socialità.
L’area break può infatti diventare una zona importante sia per dipendenti che per manager, come punto di ritrovo e scambio di idee e opinioni, trasformando così la “pausa caffè” in una risorsa da sfruttare per favorire l’incontro tra colleghi e collaboratori.
L’organizzazione dell’area break dipende dalle singole esigenze aziendale e dagli spazi a disposizione. La soluzione ideale sarebbe quella di avere un luogo separato dagli uffici cosi da non disturbare chi sta lavorando e, allo stesso tempo, permetta a chi la vive di prendere una vera pausa dall’ufficio.

La parola d’ordine, o meglio la “frase d’ordine” resta una: mettere l’uomo al centro. Le sue idee, il suo bisogno di socialità e relazioni e tutta la ricchezza di risorse che ne possono nascere. 

Contattaci per una consulenza gratuita

Scegli la soluzione più comoda

Attiva la chat

Preferisci scriverci le tue esigenze ed essere ricontattato?Scrivici un messaggio
o prenota una videochiamata